12 giugno 2019

Non ha fatto in tempo a festeggiare di essere diventato ieri maggiorenne con il 18esimo pozzo costruito, che oggi il Pozzo dei Desideri è arrivato a quota 20! Sì, una bella cifra tonda per questo progetto.
Il piano di lavoro di oggi è stato cambiato all’ultimo perché siamo tornati a Masoko già alla mattina presto con una nuova idea per continuare i lavori lasciati in sospeso l’altro giorno a causa del terreno che franava.
Questo cambio di programma ha colto di sorpresa la banda dei pozzi che ieri sera, come promesso, sono stati ricompensati con fiumi di birra. E stamattina si vedono tutti! Ma non basta, per sicurezza se ne portano qualcuna al villaggio approfittando che il capo è tornato a Blantyre per recuperare il tank da 5.000 litri che ci servirà nei prossimi giorni. Quando il capo non c’è…
Per essere sicuri che siano tutti veramente svegli l’unico modo è stato quello di svuotare un secchio d’acqua gelata a quello messo peggio. Vi assicuro che si è svegliato!
Nel mentre che i lavori proseguivano sono andato a vedere dove, fino a oggi, la gente del villaggio si riforniva: tre piccole buche scavate vicino a un piccolo torrente quasi asciutto a qualche centinaio di metri dal villaggio. Il pozzo gli cambierà la vita.
E l’acqua arriva! Il metodo provato funziona e in circa 5 ore le donne e i bambini possono festeggiare come solo loro sanno fare.
Nel pomeriggio, non avendo gasolio a sufficienza per un nuovo scavo, decidiamo di andare ad Amonisute. Per chi segue il Pozzo dei Desideri da qualche anno, è il villaggio dove nel 2017 abbiamo perso quattro giorni per effettuare uno scavo senza purtroppo alla fine trovare l’acqua. Fu una grande delusione. È un villaggio a cui sono molto affezionato e ci siamo tornati perché abbiamo saputo che proprio lì vicino, immerso fra le sterpaglie, c’è un vecchio pozzo in disuso. Siamo andati a verificare e l’obiettivo di domani è cercare di sistemare questo pozzo che saranno circa 30 anni che è bloccato. Non sarà semplice ma un tentativo vale la pena farlo. Abbiamo già qualche idea. E anche in piano B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*